Feb 10

da i racconti dei lettori

Oggi è il gran giorno già deciso insieme a mio marito per mettere in atto quella fantasia erotica che ci frullava in testa già da un po’: un incontro sessuale a tre.

Qualche settimana fa, durante un amplesso, mi disse che gli sarebbe piaciuto vedermi mentre scopo con un altro, guardarci per un po’ e poi partecipare. Dopo una fugace domanda passata nella mia testa ‘Ma non gli scoccia vedermi con un altro?’, gli ho risposto che sarebbe piaciuto anche a me, ma il terzo? Lo abbiamo trovato: il suo amico e compagno di squadra di calcetto, Giorgio.
Dopo avergli fatto la fatidica domanda, ha accettato subito: come dargli torto!
Durante il nostro incontro organizzativo, dopo quella risposta, mi sono sentita un po’ in imbarazzo e gli ho chiesto se gli andava di farlo veramente con me. Mi ha detto che gli sono sempre piaciuta e che non vedeva l’ora di provarmi.

Sono le 15 e sto aspettando con impazienza che arrivi, ma ho il cuore che mi martella dall’emozione. Come sarà? Mi piacerà quello che stiamo per fare? Sono molto timida e un po’ insicura per via del mio aspetto fisico, che non è proprio da modella: ho il seno piuttosto abbondante, i fianchi larghi e un girovita certo non da 90-60-90.
‘Ma dai’, mi dico, ‘non conta come sono fatta, ma quello che sono brava a fare: la porca’. E mi dicono che sono brava, ma chi lo fa mi ama, anche.

Giorgio è arrivato in orario, anche lui un po’ impacciato, all’inizio. Solo Fabrizio, mio marito, sembra completamente a suo agio. Dopo gli imbarazzi iniziali, saliamo in camera e Fabrizio inizia a baciarmi. Da dietro, sento Giorgio che mi accarezza la schiena e mi bacia sul collo. Mi sciolgo anch’io, rispondo al bacio profondo di Fabrizio e muovo i fianchi sotto le carezze di Giorgio. Iniziano a spogliarmi, fino a rimanere completamente nuda.
Mi siedo allora sul bordo del letto e comincio a slacciare i pantaloni a mio marito, li faccio scivolare lungo le gambe, tiro fuori il cazzo dalle mutande e lo prendo in bocca.

E’ lungo e tosto, lo conosco molto bene in ogni suo centimetro, e mentre me lo succhio con gusto, l’altro mi titilla i capezzoli. Poi dico a tutti e due di spogliarsi. Non nascondo che un pochino rimango delusa nel confrontare i due uccelli così diversi tra loro: uno, appunto, grosso e invitante, l’altro piuttosto piccolo e corto, ma forse può dare forti sensazioni lo stesso, mi dico. Ci sdraiamo sul letto, fa caldo, ma il ventilatore acceso convoglia su di noi un piacevole venticello.
Da qui ognuno inizia a fare la sua parte:
in mezzo a due maschi che mi toccano dappertutto, mi baciano e mi leccano nei punti giusti, abbandono le mie ultime inibizioni e mi concedo a questo gioco, che si sta facendo molto eccitante. Fabrizio si posiziona con il volto fra le cosce aperte e comincia a leccarmi come sa fare lui, mentre Giorgio si mette in ginocchio vicino al mio viso. Godendo delle leccate, prendo in bocca il suo pene fino in fondo e lo lavoro di lingua e di labbra come so fare bene io.

Mio marito alza la testa, e per alcuni secondi osserva la scena che tanto desiderava vedere: sua moglie mentre fa un pompino a un altro maschio. Non si trattiene per molto, mi solleva tirandomi su per i fianchi e mi penetra per primo. Andiamo avanti così per un po’ tra gemiti e sospiri, poi i due si guardano, e di tacito accordo, si danno il cambio: dove prima c’era uno, ora c’è l’altro e viceversa.
Dopo Fabrizio, il cazzo di Giorgio lo sento appena, ma ha un’angolazione diversa e lo sfregamento sul clitoride, mi eccita moltissimo.
E’ giunto il momento di giocare pesante e di provare la doppia penetrazione. La disposizione dei ruoli avviene in modo molto fluido: il mio amore sotto, io a cavalcioni sopra di lui ben ancorata alla sua asta rigida e Giorgio infilato tutto nel mio didietro. Sto quasi ferma in mezzo a questi due che mi scivolano su e giù, avanti e indietro, fuori e dentro, non so più dove finisce uno e inizia l’altro.

Il godimento è veramente alle stelle, per tutti; li sento, si sfregano tra loro dentro ai miei canali, divisi solo da un piccolo segmento di carne viva e ricettiva fino allo spasimo. Mi godo la penetrazione anale, perché è agevolata dalla misura ridotta di Giorgio, e mi godo la penetrazione vaginale, perché Fabrizio mi riempie fino a toccarmi il collo dell’utero. Mi godo tutto e riesco ad avere orgasmi prorompenti, fino a quando non esplode dentro la fica rovente. Giorgio, dietro, intanto continua a penetrarmi.

E’ arrivato anche il suo turno. Con la vagina che cola sperma, esce dallo stretto buchino ed entra in quello più largo, lasciato libero da mio marito. Si muove per un po’, poi si lascia andare al suo orgasmo nel corpo di una femmina a lui nuova. Eccoci, tutti e tre esausti, loro svuotati e io piena dei fluidi caldi di due maschi.
Le persiane sono chiuse; caro diario, il mondo là fuori non saprà mai cosa è avvenuto qui, in questo pomeriggio d’estate.

dal diario di una casalinga insospettabile


Condividi questo post


Inviaci anche tu un articolo raccontando le tue storie o esperienze 
invia a camblog @ email.it e sarai pubblicato su questo blog con la tua firma.

Nessun commento



(optional field)
(optional field)
Per evitare lo spam ti chiedo di rispondere a questa domandina

In questo sito si attua la moderazione dei commenti. Questo significa che il tuo commento non è visibile finché non viene approvato da un moderatore.

Mantenere le informazioni personali?
Nota: Tutti i tag HTML eccetto <b> e <i> saranno rimossi dal commento. Puoi inserire collegamenti semplicemente scrivendo un URL o un indirizzo e-mail.